Archive

Archive for May, 2007

Culti e festività: 25 maggio Festa della gioventù (Dan Mladosti)

May 24th, 2007 No comments

dan mladostiQuesta festività, secondo l'interpretazione ufficiale, come si deduce dal nome "Dan Mladosti", era il giorno in cui i giovani jugoslavi dovevano dimostrare il proprio ottimismo e la propria forza necessari per la costruzione del socialismo. Si tratta di uno dei tanti culti tipici delle religioni "laiche" nei paesi del blocco socialista o in questo caso dei non allineati. Lo stesso giorno si festeggiava anche il compleanno di Tito che in realtà cadeva qualche giorno prima, (il 19 maggio), cosicchè oltre a questa grande manifestazione si aggiungeva anche il culto della personalità, che in qualche modo tutt'oggi sopravive. La festa consisteva in una serie di eventi musicali, sportivi e teatrali ripresi dalla TV di Stato che culminavano con cosiddetti "sletovi" – una performance di ginnastica artistica e di danza in uniforme con centinaia se non migliaia di partecipanti che ricorda molto quelle nord-coreane o cinesi. L'altro momento clou era la consegna della stafetta al Maresciallo dopo essere stata portata attraverso tutte le repubbliche della Federazione da giovani maratoneti.

Read more…

Categories: Storie Tags:

Mostar: il monumento a Bruce Lee

May 20th, 2007 No comments
Bruce Lee MostarNel novembre del 2005 fu inaugurata a Mostar una statua dedicata a Bruce Lee per il 65-esimo anniversario dalla sua nascita, adirittura un giorno in anticipo rispetto alla cerimonia ufficiale che si è tenuta a Hong Kong. L'iniziativa era promossa da alcuni assessori della città, mentre la statua dorata è opera dell'artista croato Ivan Fijolic. All'inaugurazione partecipò anche il console cinese, che ha tenuto un discorso ai cittadini mostaresi che si erano radunati sfidando la pioggia battente. Un'altra bizzarria balcanica o un tentativo di superamento dell'odio etnico attraverso una curiosa operazione culturale? Nella repubblica "cantonizzata" di Bosnia e Herzegovina, come d'altronde in altre repubbliche post-jugoslave, negli ultimi quindici anni c'è stata una ricerca ossessiva dei feticci di identità nazionale o religiosa: vie intitolate ai criminali di guerra, revisionismo su qualsiasi cosa, magliette con Gotovina o Karadzic, introduzione dell'ortodossia islamica là dove non c'è mai stata.  La scelta di dedicare un monumento a Bruce Lee è in parte ironica, ma in parte dovuta al fatto che il celebre eroe degli action movies dell'inizio anni settanta era più popolare e amato, che sò, di Bud Spencer o di Spiderman tra i giovani jugoslavi. Sempre a fianco dei più deboli, spazza via a colpi di kung-fu i mafiosi, i criminali e le lobby di ricconi. Una scelta che spiazza, che sfugge all'ordine del discorso dei nazionalisti e che di conseguenza rimane in qualche modo immune alle critiche (a parte quelle sullo spreco dei soldi pubblici quando ci sarebbero problemi urbanistici più gravi). Tra le altre cose Mostar spiccava per il numero dei dvd piratati con i film di Bruce Lee sulle bancarelle dei mercatini. Tutti amavano "il piccolo drago" nella città del ponte distrutto, il simbolo di fratellanza divenuto simbolo di demenza separatista e sciovinista. Ora che il ponte è stato ricostruito si spera che ci sarà per sempre Bruce Lee a difenderlo.

La cosa aveva attirato l'attenzione anche dei media italiani, ecco un articolo del Corriere e uno dell'Osservatorio Balcani.

Categories: Storie Tags: