Home > Muzika, Storie > Profezie rock

Profezie rock

EKV - Dum Dum 1990Nel 1990 esce il penultimo album degli EKV (Ekatarina Velika), uno dei gruppi più conosciuti ed amati della ex YU. Il titolo dell’album si riferisce ai proiettili esplosivi, cosiddetti “dum-dum” in serbo-croato, vietati dalla Convenzione di Ginevra; in copertina c’è un tizio schizzato a petto nudo che si punta una pistola di grosso calibro alla tempia (vedi la foto). Album è particolarmente tetro, molto dark-rock, a differenza dei lavori precedenti più synth-pop. L’album inizia a circolare all’inizio della guerra civile, la canzone particolarmente gettonata era “Idemo” (Andiamo), parla del risveglio in un incubo, del ponte che è stato distrutto, dei villaggi bruciati, del fiume insanguinato, tutto in un incastro di parole che evocava alla perfezione gli scenari che si stavano aprendo. Si direbbe una profezia, anzi lo è. Poi ogni uno interpreti come vuole il significato di questa parola: l’intuito, una previsione in base alle analisi razionali, il sesto senso, la telepatia, la capacità di cogliere nell’immaginario i sentori di migliaia di persone, non importa. Questa canzone mi rimarrà impressa nella mente come la colonna sonora dei primi bollettini di guerra. Ai tempi non sembrava che in molti cogliessero questa profezia, forse perchè nessuno voleva ancora accettare la dura realtà. Ecco la traduzione, forse un po’ grossolana.

EKV – Idemo (Dum-dum, 1990)

Lei sogna che ho lavato le mani,
che mi sono rasato la barba, che sono bello.
Al caldo, la testa sul cuscino, in dormiveglia,
il profumo della colazione.
Una voce piacevole dall’altra stanza mi giunge,
dice che è iniziata.

Andiamo!

Non sapevamo che il dado fosse tratto,
non sapevamo che il ponte fosse distrutto.
Il fiume scintilla sotto gli stivali,
l’acqua pulita, un po’ insanguinata.

Andiamo!

Non sapevamo che i villaggi fossero incendiati,
non sapevamo che il fuoco è un peccato.
Le nostre mani non sono legate,
le nostre mani non sono traditrici.

Lei sogna che ho lavato le mani,
che mi sono rasato la barba, che sono bello.
Al caldo, la testa sul cuscino, in dormiveglia,
il profumo della colazione.
Una voce piacevole dall’altra stanza mi giunge,
dice che è iniziata.

E’ iniziata! E’ iniziata!

Andiamo!

Categories: Muzika, Storie Tags:
  1. May 27th, 2008 at 21:27 | #1

    Due anni dopo esce un video contro la guerra al quale partecipiano diversi gruppi belgradesi tra cui EKV, Partibrejkers, Elektricni Orgazam ecc. Lo potete vedere qui:
    http://www.youtube.com/watch?v=BbaxAk-wC_8

  1. December 5th, 2010 at 02:24 | #1